28|05
2015

COLLEZIONE 1982-1984

 

Il 28 maggio 2015 è uscito il nuovo doppio cd

BISCA  "Collezione 1982-1984"

Etichetta Spittle Records - Distribuzione Good Fellas

 

Il cofanetto contiene i primi due vinili e un inedito Live registrato a Zurigo nel 1983 alla Rote Fabrik

"Magmatica e incandescente come il cuore del Vesuvio,

la loro musica avvolgeva e ustionava, su disco e sopratutto sul palco: un sabba infernale all'insegna di ritmi implacabili, frustate di chitarre, sax al vetriolo e prepotenze canore. [...]

Dal 1981 a oggi i BISCA ne hanno combinate di tutti i colori, e il loro percorso rimane a più livelli esemplare".

Federico Guglielmi

 

14|05
2015

TERREMOTI ROCK

 

TERREMOTI.

UNA VITA E UN SAX NELLA NAPOLI DEGLI ANNI '80

di


SERGIO "SERIO" MAGLIETTA

Fondatore e sassofonista dei BISCA

 

Dal 14 maggio in tutte le librerie e in ebook

VoloLibero Edizioni

FEDERICO VACALEBRE
Autore della prefazione

Terremoti è un romanzo autobiografico che ripercorre i primi anni Ottanta attraverso lo sguardo del cantante-sassofonista de...i Bisca, gruppo rockantagonista. Rivissuto nel racconto, quel decennio si rivela uno snodo importante nella vita del nostro Paese, il cui spirito sembra manifestarsi con più intensità ed evidenza nella Napoli fratturata dal terremoto. Un passaggio epocale, testimone dello scivolamento repentino dalla cultura “Analogica” a quella “Digitale”. C’è Napoli, con la sua prosperosa bellezza di femmina del Sud e con la sua lingua ancestrale che affiora dai dialoghi dei protagonisti.
C’è la musica, quella più insolente e viscerale, meno addomesticata, linguaggio del corpo e dell’anima per spiriti inquieti e irriducibili. Ci sono “i giovani” che consumano l’ultimo quarto d’ora di celebrità concessogli dal dominante sistema politico/economico/spettacolare. E poi c’è la vita vera. Con la violenza, la droga e la voglia di protagonismo e opposizione che creano una miscela esplosiva e dirompente. La storia si conclude nel 1985, quando quel decennio si spegne precocemente e tutte le intuizioni, le promesse e le suggestioni che il terremoto aveva liberato sembrano dissolversi.
Una vicenda anomala e, allo stesso tempo, emblematica. Un terremoto dentro e fuori.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

24|04
2015

BISCA UNDERGROUND

 

BISCA SUONA nel ventre di Napoli

MUSEO DEL SOTTOSUOLO - Napoli

 

Venerdi 24 Aprile si apre la rassegna Musicale di Scatology/Event al Museo del Sottosuolo di Napoli, noto ricovero anti-aereo di Piazza Cavour.
Il sito ritrova oggi nuova dignità come ambiente museale.

Un’anonima porticina, fronte strada, un “antro” che vi accoglierà e, come per magia, sarete trasportati indietro nel tempo. Attraverso i vostri occhi potrete ammirare alcuni dei monumenti salienti di una Napoli assediata dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale.Cisterne-greco romane che hanno dato la vita e salvato vite, allestite, a cavallo degli anni ’40, per accogliere la popolazione di una delle pagine più importanti e cruenti del ‘900.

Sarà proprio il ventre di Napoli ad ospitare la musica inconfondibile dei BISCA che saranno i protagonisti indiscussi della serata con un live concert mozzafiato e con il supporto della band campana
L’ERBA SOTTO L’ASFALTO,
oltre che al contributo della mostra Diamond Dogs con locandine di Salvio Cusano e
foto di Antonio Toty Ruggieri. A fine serata ci sarà il Dj set di CALEMMA e di DEAF.

Scatology/Event

Suoni Liberi
music management

24|10
2014

IL FUTURO - NUOVO VIDEO

FUTURO

il nuovo Video

tratto da EVOLUZIONI

prodotto dalla

FUJAKKA' VIDEO

17|10
2012

LE STORIE DI CARMELA BI !

SERIO & ELIO 100 gr

 Sergio “Serio” Maglietta & Elio “100grammi”                                                                                                                    

  Due o tre riflessioni personali su “ Le storie di Carmela bi “.


Mi piace molto questo spettacolo minimal/acustico. 
Per me rappresenta la possibilità di esprimere una parte consistente della mia musicalità; parte troppo spesso sacrificata sull’altare delle consuetudini del “ Concerto Rock “ , con le sue regole ferree ed il sovraccarico emotivo e sonico che ne discende. 
Prima di tutto la dimensione acustica restituisce suoni più ricchi armonicamente, più naturali e questo facilita un rapporto rilassato 
e spontaneo con l’esecuzione dei brani ed il loro evolversi nelle improvvisazioni.
C’è più spazio e c’è più tempo !
Il sax finalmente ritrova il suo habitat ed è libero di esprimersi secondo le sue “voglie “ … e, devo dire, ne approfitta con disinvoltura. 
La loop station ( con le sue possibili sovrapposizioni ) permette poi alla chitarra di ricamare arrangiamenti corposi e vari senza per questo inchiodare Elio100gr al lavoro importante ma un po’ ripetitivo dell’ accompagnamento; anche qui c’è più tempo e più spazio per disegnare in tempo reale scenari sonici estemporanei ed imprevisti.
Poi c’è il repertorio, anche questo liberato dai vincoli delle “ aspettative ” ( legittime ma alla lunga un tantino frustranti ) del pubblico. Per lo più ballads o brani “ anomali “ che raramente trovano spazio nelle esibizioni di Bisca . 
E sono canzoni che amo .
Parole che violando la barriera della indifferenza fanno il lavoro per cui sono state pensate : scavare l’anima e la coscienza … anche la mia.
Ed infine c’è la dimensione intima, ravvicinata, che uno spettacolo del genere costruisce … ti porta in “ contatto “ con la realtà, quella più semplice e quotidiana; quella che fotografa meglio “ lo stato delle cose “; quella che può farti male in questi tempi confusi della crisi … ma può anche riservarti piacevoli sorprese con il calore di “ insperate resistenze “.

La realtà se ne frega dei nostri ragionamenti; siamo noi , nei nostri ragionamenti, a non potercene fregare della realtà !

12|04
2012

RADIO BISCA

è nata...RADIO BISCA...

Buon Ascolto!