Strict Standards: Non-static method Discoteca::getAllAlbums() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/biscait/public_html/discoteca_album.php on line 30
Fuori mercato (2009) • Bisca.it

Discoteca > Fuori mercato

Album: Fuori mercato

Pubblicato nel 2009

Etichetta: SuoniLiberi

Numero Cd: 1

Player

Tacklist

1. Paura

Quando sorge il sole si diffonde la paura,

neanche te ne accorgi e te la trovi affianco,

paura su paura che genera paura,

paura su paura e non sai più che cosa sei,

paura su paura che genera paura,

paura su paura e non sai più che cosa vuoi.

 

Schiaccia la paura che ti ronza nella testa,

schiaccia la paura che ti ronza,

schiaccia la paura che ti ronza nella testa,

schiacciala, schiacciala, schiacciala, schiacciala, schiacciala,

 

SCHIACCIA, SCHIACCIA, SCHIACCIA,

SCHIACCIA, SCHIACCIA, LA PAURA ,

SCHIACCIA, SCHIACCIA, SCHIACCIA,

SCHIACCIA, SCHIACCIALA  COSI'

 

Se ci pensi bene la paura è in ogni dove,

certo di sicuro a qualcuno servirà!

Se ci pensi bene la paura è in ogni dove,

certo di sicuro a qualcuno servirà!

Testi di: S. Maglietta E Manzo S. Maglietta

Testo:S.Maglietta

2. 1977

1977, ricordo gli sguardi le camionette

gli indiani in piazza Umbria Jazz

l'ala freak i radical scik,

ricordo Filicudi, il caldo che spacca

le stelle sui muri, le nottate in terrazza

ricordo una ragazza e i suoi piccoli seni

gonne ampie sotto la luna...

i corpi nudi senza pudore, le braccia pulite...

i corpi nudi senza pudore, le braccia pulite...

 

Io vengo da lì e manca solo un attimo

 

1977, ricordo gli sguardi le camionette

gli indiani in piazza Umbria Jazz

l'ala freak i radical scik,

ricordo Pazienza le sue storie strane

luride storie metropolitane,

ricordo la piazza e le sue parole,

ricordo Bologna e le giornate di sole...

i corpi nudi senza pudore, le braccia pulite...

 

Io vengo da lì e manca solo un attimo

Io vengo da lì...

io vengo da lì...

 

Testi di: S. Maglietta E Manzo S. Maglietta
3. Suv suvvia

Suv suv suvvia, la nuova ideologia

Suv suv suvvia violenza del kitch

Suv suv suv suv suv….

Comprami un suv e gli spacco le ossa, comprami un suv e ti faccio vedere

Com’è bello far la guerra in città se il nemico è ignaro ed imbelle

Lo scamazzo da tergo alle spalle e poi comunque mi salvo la pelle

 

In un crash tu vai sempre cash e preservi persino le meches

Com’è bello far la guerra in città se il nemico è ignaro ed imbelle

Il parcheggio non è mai un problema me ne fotto sono contro il sistema

Io sono fatto così, c’ho i soldi e l’american dream

 

Com’è bello far la guerra in città se il nemico è ignaro ed imbelle

C’è potenza nello spreco ostentato esibito nel lusso indecente

Suv suv suvvia metallica ideologia e orgasmo del trash

Com’è bello far la guerra in città se il nemico è ignaro ed imbelle

 

Comprami un suv e gli spacco le ossa, comprami un suv e ti faccio vedere

Come un seno abbondante e rifatto o un petto pompato a dovere

La corazza è il mio distintivo ed è anche un grande piacere

Il parcheggio non è mai un problema me ne fotto sono contro il sistema

Io sono fatto così, c’ho i soldi e l’american dream

 

Com’è bello far la guerra in città se il nemico è ignaro ed imbelle

C’è potenza nello spreco ostentato esibito nel lusso indecente

Suv suv suvvia metallica ideologia e orgasmo del trash

Com’è bello far la guerra in città se il nemico è ignaro ed imbelle

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Testi di: S. Maglietta E Manzo S. Maglietta

Testo:S.Maglietta

4. Occidente

Suv suv suvvia, la nuova ideologia

Suv suv suvvia violenza del kitch

Suv suv suv suv suv….

Comprami un suv e gli spacco le ossa, comprami un suv e ti faccio vedere

Com’è bello far la guerra in città se il nemico è ignaro ed imbelle

Lo scamazzo da tergo alle spalle e poi comunque mi salvo la pelle

 

In un crash tu vai sempre cash e preservi persino le meches

Com’è bello far la guerra in città se il nemico è ignaro ed imbelle

Il parcheggio non è mai un problema me ne fotto sono contro il sistema

Io sono fatto così, c’ho i soldi e l’american dream

 

Com’è bello far la guerra in città se il nemico è ignaro ed imbelle

C’è potenza nello spreco ostentato esibito nel lusso indecente

Suv suv suvvia metallica ideologia e orgasmo del trash

Com’è bello far la guerra in città se il nemico è ignaro ed imbelle

 

Comprami un suv e gli spacco le ossa, comprami un suv e ti faccio vedere

Come un seno abbondante e rifatto o un petto pompato a dovere

La corazza è il mio distintivo ed è anche un grande piacere

Il parcheggio non è mai un problema me ne fotto sono contro il sistema

Io sono fatto così, c’ho i soldi e l’american dream

 

Com’è bello far la guerra in città se il nemico è ignaro ed imbelle

C’è potenza nello spreco ostentato esibito nel lusso indecente

Suv suv suvvia metallica ideologia e orgasmo del trash

Com’è bello far la guerra in città se il nemico è ignaro ed imbelle

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Testi di: S. Maglietta E Manzo S. Maglietta

Testo: S. Maglietta

 

5. Il dubbio e la certezza

 

Bello bello,

il superfluo è bello perchè il bisogno è brutto e mai necessario, e mai necessario.

Bello il pugno chiuso, bello il rosso belli i panni asciutti, belli i brutti

perchè brutti sono i belli quando si mostrano come modelli di plastica.

Bello il dubbio e la certezza quando ti accarezza come una brezza

che ti muove... e ti muove,

bello bello,

il superfluo è bello perchè il bisogno è brutto e mai necessario, e mai necessario.

 

Bello il dubbio e la certezza quando ti accarezza

come una brezza che ti muove al sorriso,

infatti è bello il riso quando spezza la tensione.

 

Bello bello,

il superfluo è bello perchè il bisogno è brutto e mai necessario, e mai necessario.

 

Bello il dubbio e la certezza quando ti accarezza

come una brezza che ti muove al sorriso,

infatti è bello il riso quando spezza la tensione.

Testi di: S. Maglietta E Manzo S. Maglietta

Testo:S.Maglietta

6. Almeno parte

Vorrei capire come prendono vorrei capire come fanno ad entrarti dentro

e a rubarti ciò che di più prezioso c'è lì al tuo interno

Vorrei capire cos'è la sottile differenza che ci slega

e che arma il mio cuore ad ogni battaglia lunga o breve che sia

e inadegua il mio corpo al loro prodotto

e spinge me stesso a cercare i nessi e le fessure

dentro i quali inserire le mie paure

Vorrei sapere chi è che ruba il mio tempo portando i miei giorni in una nebbia sottile

che cancella il desiderio dentro a uno schermo

e cancella lo sguardo

 

VORREI CAPIRE VORREI SENTIRE

ALMENO PARTE DI QUELLO CHE SONO

VORREI CAPIRE VORREI SENTIRE

ALMENO PARTE DI QUELLO CHE SONO

PER TE

DI QUELLO CHE SONO PER TE

Testi di: S. Maglietta E Manzo S. Maglietta
7. N'ata cosa

È tutt' n'ata cosa parlà c'a panza chiena

'a capa s'arriposa e l'ansia stacca 'a spina

 

È tutt’ n’ata cosa quann’e ccose vann’ ritto

e nient’e schiova e ‘o dulor’ se stà zitto

quann’o sol’ te scarfa a luna se regne

o mare te bagna a vita se ‘mpregna

 

È tutt’ n’ata cosa quann l’ammore pretende

c’a passion’ nun se stut’ aropp’ cinche minute

‘o pensier’ scorre‘o sguard nun se ‘mpiglia

l’ammore se spann’ e ‘o fuoc’ nun è paglia

 

È tutt' n'ata cosa parlà c'a panza chiena

'a capa s'arriposa e l'ansia stacca 'a spina

È tutt' n'ata cosa parlà c'a panza china

'a capa s'arriposa e l'ansia stacca 'a spina

 

È tutt' n'ata cosa'na rosa senza spin'

l'addore regn' o nas' e 'a vocca succhia 'a brina 

 

È tutt’ n’ata cosa quann l’ammore pretende

c’a passion’ nun se stut’ aropp’ cinche minute

È tutt’ n’ata cosa quann’e ccose vann’ ritto

e nient’e schiova e ‘o dulor’ se stà zitto

quann’o sol’ te scarfa a luna se regne

o mare te bagna ‘a vita se ‘mpregna

 

È tutt' n'ata cosa parlà c'a panza chiena

'a capa s'arriposa e l'ansia stacca 'a spina

È tutt' n'ata cosa parlà c'a panza chiena

'a capa s'arriposa e l'ansia stacca 'a spina

 

Testi di: S. Maglietta E Manzo S. Maglietta
8. L ' anomalia

Il fiato guasto è conseguenza di cattiva digestione

Di piatti malconditi rigurgitini di fascismo  razzismo e di xenofobia

Il fiato guasto è conseguenza della televisione

Di piatti malconditi rigurgitini di razzismo fascismo e di xenofobia

Il fiato guasto è diventato la regola e non ...L’ ANOMALIA

Il fiato guasto disturba molto chi si trova davanti o nei paragi

Risparmia invece solo colui che emette il fetido soffio

Rigurgitini di fascismo  razzismo e di xenofobia

Un piatto misto molto indigesto e fonte di apologia e di follia

Comunque pieno di paura razzismo e di xenofobia

Il fiato guasto è diventato la regola e non ...L’ ANOMALIA

Il fiato guasto è conseguenza di cattiva digestione

Di piatti malconditi rigurgitini di fascismo  razzismo e di xenofobia

Il fiato guasto è diventato la regola e non ...L’ ANOMALIA

Testi di: S. Maglietta E Manzo S. Maglietta

Testo: S.Maglietta

9. Che senso ha

CHE SENSO HA LA NOTTE E IL SUO MISTERO,

UN GIORNO INTERO SENZA FUTURO

IL PARADISO, LA GIOIA VIRTUALE

IL TEMPO PERSO, I PREZZI DA PAGARE.

IL VOLO SGHEMBO DI ARMI E DI DISTRUZIONE

LA PACE FALSA, LA RELIGIONE.

IL MARE SCURO, LA FORZA DEI POTENTI

LA CALMA PIATTA DEI PERDENTI

IL VOLO SGHEMBO DI ARMI E DI DISTRUZIONE

LA PACE FALSA, LA RELIGIONE

CHE SENSO MI CHIEDO CHE SENSO HA,

UN RIBELLE IN UN VARIETÀ

CHE SENSO MI CHIEDO CHE SENSO HA,

IL SILENZIO DEI PERDENTI

 

CHE SENSO HA LA NOTTE E IL SUO MISTERO,

UN GIORNO INTERO SENZA FUTURO

CHE SENSO HA LA NOTTE E IL SUO MISTERO,

UN GIORNO INTERO SENZA FUTURO

 

CHE SENSO HA  UN RIBELLE IN UN VARIETÀ,

UN FIORE ROSSO IN UN VASO ROTTO,

PENSARE TROPPO E NON PENSARE AFFATTO,

GUARDARSI ATTORNO ED ESSERE DISTRATTI,

IL MARE SCURO, LA FORZA DEI POTENTI

LA CALMA PIATTA DEI PERDENTI

IL VOLO SGHEMBO DI ARMI E DI DISTRUZIONE

LA PACE FALSA, LA RELIGIONE.

CHE SENSO MI CHIEDO CHE SENSO HA,

IL SILENZIO DEI PERDENTI

CHE SENSO MI CHIEDO CHE SENSO HA,

IL SILENZIO DEI PERDENTI

 

CHE SENSO HA LA NOTTE E IL SUO MISTERO,

UN GIORNO INTERO SENZA FUTURO

CHE SENSO HA MI CHIEDO CHE SENSO HA,

IL SILENZIO DEI PERDENTI

CHE SENSO HA LA NOTTE E IL SUO MISTERO,

UN GIORNO INTERO SENZA FUTURO

CHE SENSO HA LA NOTTE E IL SUO MISTERO,

UN GIORNO INTERO SENZA FUTURO

Testi di: S. Maglietta E Manzo S. Maglietta

Testo: S.Maglietta

10. Miracoli

Io sono un miracolato.

Consideriamo quando sono nato,

consideriamo il giorno.

O l’anno.

Ecco,

ritorno con la mente

al tempo del primo latte

era il 9/3/57.

Ritorno al tempo del mio primo vagito

era un giorno uggiato

a tratti piove

sono nato nel ’69, il 30 marzo.

É strano dire

“ricordo il primo giorno”

parlando di se,

eppure lo ricordo

sono nato nel ’73, il 9 luglio.

Sono nato nel ’55,

sono nato nel ’64,

sono nato nel ’70

apparendo da un giorno all’altro.

E da quando sono nato

miracolato sono…….

Sono nato in un mondo dove la vita

si trasforma in cose,

i giorni ad esempio,

si trasformano in banconote;

le insicurezze in case,

il tempo sotto il tocco del Santo

muta in intrattenimento.

Sono nato nel ’55,

sono nato nel ’70.

Sono nato il 75

era aprile ed era il 7

e da quel giorno le ore

si trasformano in sigarette.

Un pianto si è trasformato in punizione,

la calvizie in lozione.

Sono nato il 75

era aprile ed era il 7

e ho trasformato l’ansia d’esistere

in due belle motociclette.

È commovente vivere nel miracolo:

ogni ostacolo che c’è tra te

e il piacere salta.

L’amarezza diventa un gelato,

l’inquietudine una raccolta.

La vanità diventa una boccetta,

la solitudine una bolletta.

Un rosario di giorni tutti uguali

puoi trasformarlo in un pacchetto di cambiali.

L’affetto dei genitori?

Nella voce dei televisori…….

Aaaaaah! Questo è banale,

ma tanto vale

che sia ricordato,

poiché anche questo fà parte

del mio mondo miracolato.

Mutazioni, magie, giochi di prestigio,

ti mettono a tuo agio

ti accompagnano

ti accarezzano la pelle.

Ma sulle spalle c’è una pressione

che mette in tensione i muscoli del collo.

Nessuno si ferma

agli uomini ribolle il sangue:

Trasformare! Trasformare!

Un miracolo!

Ogni ostacolo và rimosso

anche se la gente solubile all’aria

sempre più spesso te la trovi davanti.

Io sono nato il ‘55

il ’60, il ’70

ed ho trasformato la mancanza di terra

in un vaso con dentro una pianta.

C’è chi dice: “Non cambia niente,

se a cambiare non è la gente”.

Ma nel mio mondo

sono le cose che danno spettacolo.

Miracolo……

Miracolo…..

Miracolo……

Testi di: D. Jacobelli S. Maglietta E Manzo S. Maglietta

(Manzo, Maglietta, Jacobelli)

Fotografie

<p>
	PompeiLab 12/09/2008</p>
<p>
	PompeiLab 12/09/2008</p>
<p>
	PompeiLab 12/09/2008</p>
<p>
	PompeiLab 12/09/2008</p>

Rassegna Stampa

Fuori mercato - Blow up