Strict Standards: Non-static method Discoteca::getAllAlbums() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/biscait/public_html/discoteca_album.php on line 30
La bomba intelligente (1994) • Bisca.it

Discoteca > La bomba intelligente

Album: La bomba intelligente

Pubblicato nel 1994

Etichetta: Crime Squad

Numero Cd: 1

Player

Tacklist

1. La bomba intelligente (5,07)

LA BOMBA INTELLIGENTE

(Manzo, Maglietta, Maglietta)

 

TRE ANNI FA, ERO COME MOLTI DI VOI, DAVANTI AL TELEVISORE A VEDERE QUELLE IMMAGINI DI MORTE CHE

PROVENIVANO DAL GOLFO. NONOSTANTE LA DRAMMATICITÁ DEL MOMENTO ERO PIUTTOSTO ANNOIATO.

Ebbi un sobbalzo: sentii parlare per la prima volta di bombe intelligenti.

L'IDEA DI UNA BOMBA INTELLIGENTE......

Ho sempre creduto che la bomba fosse per sua stessa natura ottusa, idiota, cieca. Se tu le

dici: "Vai là", lei con geometrica idiozia ci si catapulta. Poi ho capito qual’era la differenza tra

una bomba normale  ed una bomba intelligente. Se tu dici ad una bomba normale:"Guarda, lì c'è un carro armato...." lei............

....grrrrrrrrr.....metro più, metro meno:BAM. Se tu dici la stessa cosa ad una bomb intelligente lei .......grrrrrrrr......

BAM! Un asilo nido con tremila bambini. Era evidente che le bombe di cui si parlava in quel conflitto erano ottuse e idiote

come tutte le altre, ma l'idea mi è rimasta, ed ho immaginato il giorno in cui uno scienziato pazzo inventi

una bella bomba intelligente. Il suo nome è CARMELA|

CARMELA LA BOMBA INTELLIGETE..........

Carmela vive in un hangar sotto il pentagono: Il suo paparino, lo scienziato pazzo  le ha fornito

un'intelligenza sovrumana, ma come tutti gli scienziati pazzi americani, è realmente

pazzo e per non venire meno al luogo comune che vuole intelligente ma brutta, ha dato a Carmela un aspetto orribile,

con un retrorazzo mostruoso, un naso a becco tipo Concorde, le alucce storte.

L'unico a prestarle attenzione in tutto il pentagono è Ciruzzo, un obice residuato bellico della

II guerra mondiale. "Carmela, oh Carmela, un ci 'a dari cuntu all'autri! Si troppu bedda"

Il quarto personaggio di questa storia è il generale Swarzkoptshhhhh:" Allora? Questa bomba?

....milioni di dollari...il nostro presidente ha bisogno di una bella ecatombe...la campagna elettorale langue...."

UNO, DUE, TRE MILIONI DI MORTI....

CARMELA ODIA IL GENERALE, LO GUARDA FISSO NEGLI OCCHI, trova lo scopo della missione realmente stupido.

VIE VIE VIE VIE VIETNAM....GHE GHE GHE GHE GHE GHE GHE GHE GHEDDAFI.....

Lo scienziato si avvicina a Carmela: "Ti prego non mi fare brutta figura sennò qui mi tagliano

i fondi! Ti prego faglieli.....

UNO DUE TRE MILIONI DI MORTI.....

Carmela ha imparato a mettere i sentimenti davanti alla razionalità, e ancora prima di decidere

si rivolge a Ciruzzo: "Cosa devo fare?""Carmè a chi sì foddi? A fallu pi mia, a Sicilia no!"

Carmela sale..Uno..Due....Tre chilometri....ha già deciso. Inquadra l'ombellico di Swartzkoptshhhh

e punta il suo monitor su quella casa pentagonale che l'ha vista nascere. fa una rotazione di 180 gradi

GRRRRRRRRRR.....BUSH!!!!!!!!GRRRRRRRRRRRR........CLIN-TON!!! (questa è esattamente la differenza tra un

presidente repubblicano ed uno democratico)!

CARMELA NON FARA' MAI...

UNO, DUE, TRE MILIONI DI MORTI

L'IDEA DI UNA BOMBA INTELLIGENTE.........

Testi di: Maglietta Manzo

Le voci intro sono di 'O Zulù e JRM dei 99Posse

Sergio "SERIO" Maglietta: Sax, Voce

Elio "100 gr" Manzo: Chitarra, Voce

Claudio "KLARK KENT" Marino: Batteria

Valentino "'O NINNILL'": Basso

99 Posse: Voci intro

2. Un bel dì vedremo

UN BEL DÍ VEDREMO

( D. Jacobelli)

 

Tutto tutt’intorno sembra impossibile

Tutto tutt’intorno poco credibile…….

U BEL DÍ VEDREMO…

Tutto tutt’intorno sembra impossibile

Tutto tutt’intorno poco credibile…….

 

Io sto in campana e mi guardo attorno

i GRRRRRR dei cingoli scuotono la terra

mentre i BRRRRRR meccanici affogano

nei fischi sconvolgenti dei decolli

e in ogni dove del visibile

frastuono della macchina bellica

sale grandiosa al cielo tropicale

mentre uomini dall’espressione spettrale

MONTANO SOPRA I PEZZI…..

 

Quando poi all’analisi più approfondita

di questa ricca collezione di nuovissime armi

davvero riesce a stupirmi l’idea di come

il trascorrere di cento secoli ed oltre

non abbia mutato di un pelo l’idea della morte,

e di come semmai dispensarla.

AU AU AU AAAAAU AU AU………

La clava, la mazza ferrata che calava proterva

assestata dall’alto in modo comica

NON SI DISCOSTA AFFATTO DALL’ATOMICA…………

Che dall’alto cala anch’essa provocando

la stessa reazione d’immane sgomento

a che la prende sulla testa,

e di totale annichilimento……..PER CHI RESTA!

GUERRA SENZA TERRA NEL MONDO E IN CASA MIA

GENTE FATTA A PEZZI DALLA SOLITA FOLLIA

SOGNI DISPERATI DI UMANI SEPARATI

A VOLTE SOLAMENTE DALLA GUERRA ACCOMUNATI

 

GUERRA SULLA TERRA GUERRA PER LA VIA

‘A GUERRA NASCE SPESSO SOTTATTACC’E L’IDIOZIA

GUERRA COMINCIATA AGLI INIZI DELLA VITA

HA DUE MILIONI D’ANNI E NON È MAI FINITA

Testi di: D. Jacobelli

Sergio "SERIO" Maglietta: Sax, Voce

Elio "100 gr" Manzo: Chitarra, Voce

Claudio "KLARK KENT" Marino: Batteria

Valentino "'O NINNILL'": Basso

Gennaro Arena: Tromba

Roberto Schiano: Trombone

3. 'O Sfruttament'

‘O SFRUTTAMENT’

(Manzo, Maglietta, Jovine, Persico, Maglietta)

 

SI ‘NCE STESS’ ‘O SFRUTTAMENT’ STU SISTEMA FOSSE BELL’

SI TENEVA CINQ’ PALL ‘O NONN’ MIO ERA NU FLIPPER!

 

A casa mia lassaie, chi l’avesse ditt’ mai.

Mo’ sto ‘cca ‘a dieci ann’ a faticà

e tu me sput’ pure ‘n faccia

‘a fa ‘mmocca!

Sicchie ‘e mmerda, lota, granda pappina,

canter’, pivez’, favez, stuppol’, chiavech’, cess’, latrina,

e vote i’ nun capisc’ i’ nun capisc o ‘ssaie ‘oi né

e nun te spar ‘ncuoll’ chi m’a rà ‘a pacienz’a mmè,

do ‘cazz’ si ‘o frat’, de strunz’ si ‘o rrè

aret’ ‘abancarella te vulesse vedè a te.

 

2000 ANN ‘E SFRUTTAMENT’ É TUTTA COLPA E L’IMMIGRAT’

PASS’ ‘O TIEMP’ E CAGN SUL’A RAZZ’E ‘A PELL’ ‘E CHI È SFRUTTAT’

SI ‘NCE STESS’ ‘O SFRUTTAMENT’ STU SISTEMA FOSSE BELL’

SI TENEVA CINQ’ PALL ‘O NONN’ MIO ERA NU FLIPPER!

 

NUN CAGNA NIENT’ TE DICO NUN CAGNA NIENT’

FIN’A CHE NUN CAGNA FIN’A CHE NUN CAGNA ‘A GENT’

SIMM’ FUTTUT’ TE DICO SIMM’ FUTTUT’

SI SALVAMM’O SISTEMA E CONDANNAMM’A L’IMMIGRAT’…….

 

Sono un italiano medio esco di buon mattino

un negro siede in tram io sono in piedi lì vicino

un posto rubato e noi in piedi stanchi

19 posti occupati da bianchi

è più forte di me mi si offusca la ragione

quando vedo un negro entro in contraddizione

io mi faccio i fatti miei, razzista io per carità,

ma con tanti posti perché vieni proprio qua?!

 

2000 ANN ‘E SFRUTTAMENT’ É TUTTA COLPA E L’IMMIGRAT’

PASS’ ‘O TIEMP’ E CAGN SUL’A RAZZ’E ‘A PELL’ ‘E CHI È SFRUTTAT’

SI ‘NCE STESS’ ‘O SFRUTTAMENT’ STU SISTEMA FOSSE BELL’

SI TENEVA CINQ’ PALL ‘O NONN’ MIO ERA NU FLIPPER!

 

NUN CAGNA NIENT’ TE DICO NUN CAGNA NIENT’

FIN’A CHE NUN CAGNA FIN’A CHE NUN CAGNA ‘A GENT’

SIMM’ FUTTUT’ TE DICO SIMM’ FUTTUT’

SI SALVAMM’O SISTEMA E CONDANNAMM’A L’IMMIGRAT’…….

 

E frat’ ro sud ro munn’ abbandonan’ ‘a terra e po’ venen’ ccà

nun tenen’ casa lavor’ fatica pe mmez’ ca nuie ‘ncoppa c’ amma magnà

se rompon’ ‘o cul’ facenn’ fatiche ca nuie nun vulessem’ fà,

ma canter’, cess’, latrina si pur’ ‘o vulessen’ ‘o putiss’ fà,

ch’e sord’ ca dann’ a nun nir’ tu manc’ l’affitt’ putiss’ pavà,

no, si nun ‘nce venev’ iss’ sul’ a nu nir’ ‘o sistema se l’era ‘nventà.

 

2000 ANN ‘E SFRUTTAMENT’ É TUTTA COLPA E L’IMMIGRAT’

PASS’ ‘O TIEMP’ E CAGN SUL’A RAZZ’E ‘A PELL’ ‘E CHI È SFRUTTAT’

SI ‘NCE STESS’ ‘O SFRUTTAMENT’ STU SISTEMA FOSSE BELL’

SI TENEVA CINQ’ PALL ‘O NONN’ MIO ERA NU FLIPPER!

 

NUN CAGNA NIENT’ TE DICO NUN CAGNA NIENT’

FIN’A CHE NUN CAGNA FIN’A CHE NUN CAGNA ‘A GENT’

SIMM’ FUTTUT’ TE DICO SIMM’ FUTTUT’

SI SALVAMM’O SISTEMA E CONDANNAMM’A L’IMMIGRAT’…….

 

ZOMPA ZOMPA SI TE PIACE ‘O MARUCCHIN’

ZOMPA ZOMPA PUORTA RISPETT’ A L’ALGERIN’

ZOMPA ZOMPA GUAGLIÓ………

ZOMPA ZOMPA SI TE PIACEN’ PUR’E BISCA

ZOMPA ZOMPA SI TE PIACE ‘A NOVE NOVE

Testi di: E. Manzo, S. Maglietta

Sergio "SERIO" Maglietta: Sax, Voce

Elio "100 gr" Manzo: Chitarra, Voce

Claudio "KLARK KENT" Marino: Batteria

Valentino "'O NINNILL'": Basso

Luca “ZULÚ” 99 POSSE: Voce principale

Massimo “JRM” 99 POSSE: Voce

Marcello Colasurdo ‘E ZEZI: Coro

Roberto Schiano: Trombone

4. Guagliò

GUAGLIÓ

(Manzo, Maglietta, Maglietta)

 

Erano buoni erano dolci erano loro che erano dolci/

Que non me digas nada, que non te entiendo/ Yes yes/

Annac’u culu annac’u culu annac’u culu/

LA LEGA É UN INVENZIONE DELL’UFFICIO MARKETING !/

Arriminati na briccia, ti si leva tutt’a ciccia,

scinni scinni cu sti gammi, ma sta attentu

AVISSA SCIDDICARI?!

LA LEGA É UN INVENZIONE DELL’UFFICIO MARKETING !/

La palla di sivo è un’invenzione dell’ufficio marketing./

Il professor Miglio, ideologo della Lega

ha speso 30 anni del suo tempo per partorire il seguente slogan:

“Nord, centro, sud, tre realtà diverse, con problemi diversi”

E io ci rispondo:

“CICÍ COCÓ E CACAME ‘O CAZZ’!!”/

UN BOSSOLO PER BOSSI, UN BOSSOLO PER BOSSI,

UN BOSSOLO PER BOSSI, BOOOOO!!!!/

Lidia, tengh ‘e cazon’ pulit’ Lidia nnè LIDIA/

Talè, veni ccà ca te cantari na cosa/

Tu statt cu sta capa/

Tri pila avi u me porcu, u me porcu avi tri pila/

Signora, ci starebbe bene una birretta?/

‘Nn ‘e tenimm’, ‘nn ‘e tengh’, ‘nn’e tenimm’ ‘e denar’/

Tu me l ‘e ditt’ ‘a mme, tu tu me l ‘e ditt’ a mme/

 

‘O guarracin’ ca jeva pe mare, teneva voglia de se ‘nzorare,

se facett’ nu bellu vestit’ chin’ de scarde pulit’ pulit’,

cu na parrucca tutta ìngrfata de ziarella ‘mbraciulata,

collo sciabbò scoll’ e puzine de pont’ a ‘ngrise fine fine/

Testi di: E. Manzo, S. Maglietta

Sergio "SERIO" Maglietta: Sax, Voce

Elio "100 gr" Manzo: Chitarra, Voce

Claudio "KLARK KENT" Marino: Batteria

Valentino "'O NINNILL'": Basso

Gennaro Arena: Tromba

Davide, Cristiano e Davide: Cori

5. Sottattacco dell'idiozia

SOTTATTACCO DELL’IDIOZIA

( Jacobelli, Della Volpe)

 

Sotto il fuoco nemico, sei sotto il fuoco nemico,

sotto il fuoco nemico, sei sotto il fuoco nemico,

 

Il buio l’abbiamo indagato abbastanza:

in fondo alla sostanza, su di una lama

chi nella verità senza speranza,

chi più giù ancora, dentro la follia.

Ma questo è qualcosa che non ha retto

Perché non è questo che ci ha protetto

dall’invasione dell’idiozia.

 

Sei sottattacco sotto sottattacco, sei sottattacco dell’idiozia/

Sei sottattacco sotto sottattacco, sei sottattacco dell’idiozia/

 

L’idiozia ha il suono del deglutire

come a dire che cerca d’ingoiarti

diminuirti, farti scomparire,

oppure tenta di adularti

farti sentire diverso, farti sentire diverso da quello che sei/

farti sentire diverso, farti sentire diverso da quello che sei/

 

L’idiozia ha il suono…..

Fino a riempirti totalmente di lei.

Finito il brutto niente più bello,

si deve fare solo pulizia.

È in atto l’attacco dell’idiozia.

E l’attacco sta avvenendo adesso

Proprio in questo momento

un reggimento di intrattenitori

ricchi, mediocri, dozzinali,

dai giornali, dentro ai televisori

non vendono più neanche mezze verità

ma una sola grande bugia.

Tappati le orecchie,

sei sott’attacco, sei sott’attacco dell’idiozia

 

Sei sottattacco sotto sottattacco, sei sottattacco dell’idiozia/

Sei sottattacco sotto sottattacco, sei sottattacco dell’idiozia/

 

Eroina, fascisti e polizia, figli della stessa mamma della tua idiozia,

idiota da quando sei nato la tua vita è pilotata,

da gente di merda che ti fa essere idiota,

Vespa, Fede e Montanelli ogni giorn’ arrabbiat’,

nu juorn’ aret’ a n’at’ fin’ a che si schiattat’

cu stampat’ ‘ncopp’a faccia stu sorris’ idiota, idiota, idiota…….

 

Sei sottattacco sotto sottattacco, sei sottattacco dell’idiozia/

Sei sottattacco sotto sottattacco, sei sottattacco dell’idiozia

 

Per gestire il potere serve un fesso e lo sarai,

per gestire il potere serve un dotto e lo sarai,

qualunque ruolo serva ci sei tu e lo coprirai,

e nun cagn’ proprio nient’ se ci sei o ci fai, o ci fai………

 

farti sentire diverso, farti sentire diverso da quello che sei/

farti sentire diverso, farti sentire diverso da quello che sei/

 

 

Onestà? Dignità? Verità?

“Possiamo farne senza!

Ecco per voi una gradevole primizia

l’intelligenza è solo una buccia,

il frutto vero è la furbizia.”

Serra le palpebre, serrale strette,

se non vuoi che dalla mente scappi tutto via.

 

Sei sottattacco sotto sottattacco, sei sottattacco dell’idiozia/

Sei sottattacco sotto sottattacco, sei sottattacco dell’idiozia/

Testi di: D. Jacobelli, Gennaro della Volpe

Sergio "SERIO" Maglietta: Sax, Voce

Elio "100 gr" Manzo: Chitarra, Voce

Claudio "KLARK KENT" Marino: Batteria

Valentino "'O NINNILL'": Basso

Luca “ZULÚ” 99 POSSE: Voce principale

Massimo “JRM” 99 POSSE: Voce

6. Tammurriata del lavoro nero

TAMMURIATA DEL LAVORO NERO

(Manzo, Maglietta, Maglietta)

 

È nat’ nu lavoro è nat’ nir’

e a feccia ‘o piglia ‘n gir’,

sissiggnor’ ‘o piglia ‘n gir’

1234………5678

Ie nun capisc’ e vvote che succede

e chell’ ca se vede nun se crede nun se crè/

È nat’ nu lavoro è nat’ nir’

e a feccia ‘o piglia ‘n gir’,

sissiggnor’ ‘o piglia ‘n gir’/

Se ‘na ‘mpression’ se

se ‘a tolleranza se

capuzziell’ e criminal’

vecchi arnes’ e caporal’,

dint’e terre ‘e Baia Domizia

fann’e gall’ ‘ncopp’a munnezza.

Succede int’e campagne chist’affare

‘e nuov’ caporal’ se ne veren’ a migliar’

e se ne veren’ a migliar’

‘e vvote basta sul’ ‘na soffiata

e ‘o nir’ se ritrova dint’a cella carcerat’

Se ‘na ‘mpression’ se

se ‘a tolleranza se

a Giugliano a Baia Domizia,

a Villa Literno a Casandrin’,

chill’’o fatt’è nir’ nir’,

nir’ nir’ comm’a cchè.

 

Guagliò damm’o permess’

statt’ zitt’ e nun fa ‘o fess’

sa sinò c’o foglie ‘e via

tuorn’ ampress’ a casa toia.

Che vulit’ brigadiè

faticav’ int’o cantiè,

quatt’ lire senza permess’

si te va buon si no è ‘o stess.

L’ata sera a Piazza Dante

‘a panza mia era vacante,

si nun era p’o contrabband

ie mo già steve ‘o camposanto.

So turnat’ a Piazza Dante,

so passat’ 40 ann’,

dint’a piazza nuovament’

ati nir’ ‘miez ‘a gent’:

nun so figli ‘e nu marines,

nun so asciut’ a chissà chi,

so venut’ pisse pisse do paese do rais.

So e modern emigrant’

scis’ ‘a nuov bastiment’,

so sfruttat’ tutt’ quant’

dint’o vecchio continent’.

È NAT’ NU LAVOR’ È NAT NIR’

E A FECCIA ‘O PIGLIA ‘N GIR’

SISSIGNOR’ ‘O PIGLIA ‘N GIR’

È NAT’ INT’E CAMPAGNE È NAT’ ‘MIEZ ‘A VIA

È NAT’ INT’E CANTIER’

INT’E FAMIGLIE DA BORGHESIA

E signore pusillipine

tenen’ e colf filippine

mentre ‘ncopp’a via Petrarca

tutt’ chell’e llati part’.

American’ express damm’o dollar’ che vac’e press’

ca sinò vene a polis’ e mette ‘e man’ arò vo iss

È NAT’ NU LAVOR’ È NAT NIR’

E A FECCIA ‘O PIGLIA ‘N GIR’

SISSIGNOR’ ‘O PIGLIA ‘N GIR’

È NAT’ INT’E CAMPAGNE È NAT’ ‘MIEZ ‘A VIA

È NAT’ INT’E CANTIER’

INT’E FAMIGLIE DA BORGHESIA

Si ce pienz’ è semp’o stess’

stu sistema è proprio ‘o cess’

mafia ‘ndrangheta e camorra

ca controlla sta vergogna,

per la legge è tutto uguale,

vai a finì a puggiuriale,

ma si è nir’ ‘o malament’

tutt’è semp’chiù evident’

So turnat’ a Piazza Dante,

so passat’ 40 ann’,

dint’a piazza nuovament’

ati nir’ ‘miez ‘a gent’:

nun so figli ‘e nu marines,

nun so asciut’ a chissà chi,

so venut’ pisse pisse do paese do rais.

So e modern emigrant’

scis’ ‘a nuov bastiment’,

so sfruttat’ tutt’ quant’

dint’o vecchio continent’.

E signore pusillipine

tenen’ e colf filippine

mentre ‘ncopp’a via Petrarca

tutt’ chell’e llati part’.

È NAT’ NU LAVOR’ È NAT NIR’

E A FECCIA ‘O PIGLIA ‘N GIR’

SISSIGNOR’ ‘O PIGLIA ‘N GIR’

È NAT’ INT’E CAMPAGNE È NAT’ ‘MIEZ ‘A VIA

È NAT’ INT’E CANTIER’

INT’E FAMIGLIE DA BORGHESIA

 

Testi di: E. Manzo, S. Maglietta
7. Preghiera

Lo diceva mio padre

parlando del suo vicino

ed io già imparavo

il suo grido di guerra.

Ho ascoltato altre volte

lo stesso grido

per motivi diversi,

a volte scarsi, a volte forti,

quasi sempre inutili,

ma da ogni parte era sempre lo stesso:

“PREGO DIO, CON TUTTO ME STESSO,

CHE QUELL’UOMO SIA CANCELLATO DALLA TERRA!”

 

Ritengo la guerra inevitabile,

almeno finché duri quest’invocazione,

ed è per questo che io prego l’uomo

perché risolva dei quesiti più veri:

“PREGO L’UOMO, CON TUTTO ME STESSO,

PERCHÉ DIO SIA CANCELLATO DAI CIELI”.

Testi di: D. Jacobelli
8. Il vicino

Il mio vicino s’arrabbia

se intraprendo la battaglia

sordida e villana

con l’inquilino del terzo piano:

lui odia gli schiamazzi

IO SOLO I CACACAZZI, SOLO I CACACAZZI, SOLO I CACACAZZI SO………

 

Il mio ministro s’arrabbia

se intraprendo la battaglia

sordida e villana

per una legge strana…….

LA FINANZIARIA FI FI FINANZIARIA, LA FINANZIARIA FI……..

POMI, POMÍ, POMÍ, POMÍ, POMI, POMI, POMÍ, POMÍ…..

CIRINO POMICINO CIRINO POMICINO CIRINO POMICINO CI…….

 

La mia chiesa s’arrabbia

se intraprendo la battaglia

fetida e profana

come oltraggio alla sottana……

FETI, FETÍ, FETÍ, FETÍ, FETI, FETI, FETÍ, FETÍ………FETIDA!!!!!!

 

Noi siamo figli del peccato originale, figli di Adamo ed Eva:

I nostri progenitori vivevano felici nel paradiso terrestre, il patto con Dio era:

CHE ADAMO NON SFIORASSE NEANCHE CON LO SGUARDO EVA……..

ma come era possibile con tutto quel ben di Dio spaso al sole?, la storia non ce lo dice,

eppure io lo so: non era un paradiso terrestre, era un paradiso artificiale perché Adamo:

SI FACEVA LE PERE, SI FA FÁ FÁ FÁ FÁ………..

La stira va avanti per un bel po’, fino a quando nel paradiso, giù al bar dei diavulilli

viene a mancare la roba. Adamoscese giù e disse: “Cumpà, m’o ddai nu schizz’?”

…”Nun ce sta nient’”… “Cumpà, m’o ddai nu schizz’?” “Te n’ea ‘i, te n’ea ‘i ‘a ccà!!!”.

Adamo sperimentò per la prima volta una crisi di astinenza. Non era mai successo nella

storia del genere umano e in quello stesso momento avvertì uno strano formicolio dalle

parti del basso ventre, come una specie di serpente che si gonfiava nella patta……

la patta di fico!  Si diresse verso la collina dove c’era Eva, sotto un’albero, che ormai

erano milioni di anni che s’intratteneva con uno strano serpente, con una mela in bocca,

lungo, viscido e insinuante; Adamo le correva incontro, il volto paonazzo, goffo e gonfio lì,

senza pudore, che strana la prima erezione………….

EVA VIENI QUI, HO QUALCOSA DA DIRTI………..

Eva non credeva alle sue orecchie, non aveva mai sentito quella dolce musica, era la

Prima volta. Lui la prese tra le braccia e incominciò a fare………..

ZOMPI ZOMPI ZOMPI ZOMPI ZOMPI ZOMPI ZOMPI

ZOMPI ZOMPI ZOMPI ZOBOMBOBOMBÓ……

NOI SIAMO FIGLI DEL PECCATO ORIGINALE……

FETI, FETÍ, FETÍ, FETÍ, FETI, FETI, FETÍ, FETÍ………FETIDA!!!!!!

Testi di: E. Manzo, S. Maglietta
9. 'A Murzett'

Questo non è l’unico mondo possibile

Bisca Bisca Bisca……………

Testi di: E. Manzo, S. Maglietta
10. I ricchi

È incredibile c’hanno i soldi, ma chi sono stiamo a guardarli,

è incredibile c’hanno i soldi, ma chi sono stiamo a guardarli,

è pazzesco c’hanno i soldi , ma chi sono vogliano studiarli,

è pazzesco c’hanno i soldi , ma chi sono vogliano studiarli,

SONO I RICCHI……..

 

I RICCHI FANNO DANNI DANNI DANNI DANNI

DANNI DANNI DANNI DÁ………….

 

Lo so! L’hanno visto, e forse l’ho visto anch’io eppure,

con tutto questo hanno qualcosa che ho anch’io:

hanno gli occhi sono acuti, sono miopi e non li hanno pagati,

hanno gli occhi sono acuti, sono miopi e non li hanno pagati.

Hanno anche dei bei ginocchi, giocando a tennis ce li hanno mostrati,

hanno anche dei bei ginocchi, giocando a tennis ce li hanno mostrati.

Hanno una testa con dentro sequenze, sequenze spesso sconosciute,

ed anche queste non le hanno comprate, né nessuno le ha mai vendute!

 

NON ABBIAMO NIENTE DI MENO, NON ABBIAMO NIENTE DI PIÚ

I SOLDI? CARTA! CE LI HO IO CE LI HAI TU!!!!!!!!

I RICCHI FANNO DANNI DANNI DANNI DANNI

DANNI DANNI DANNI DÁ………….

 

Quello che vogliamo è tutto diverso:

non il denaro né la miseria, ma qualcosa che va al di là,

e lo vogliamo di una voglia vera.

Non i soldi, qualcosa di più strano, che ad esempio

il manto d’asfalto si trasformi in un serpente di grano.

Cerchiamo una luce che ci illumini davvero,

con i soldi o senza soldi,

e che sia in grado di sconfiggere il GELO…………

 

Io i soldi non ce li ho , li vorrei avere,

ma se poi li avessi li potrei scordare,

perché ricco o senza niente c’è qualcosa che voglio fare,

perché ricco o senza niente c’è qualcosa che voglio fare:

 

FAR NASCERE UNA NUOVA COSA E POI VEDERLA CAMMINARE!!!!!!

Testi di: D. Jacobelli
11. Sasà

Quant’è brutta sta fenest’

dovrebbe essere murata,

ha una vista deformante,

su un esterno deformato.

QUANT’ É BRUTTA SASÁ……..

 

Quant’è brutta sta scommessa

dovrebbe essere vietata,

tanto perdi anche se vinci,

o se solo ci hai provato.

QUANT’ É BRUTTA SASÁ……..

 

Sasà che venn’a rrobba

Sasà che va ‘n galera

Sasà ca jesce ‘e juorn’ ,

e tras’a stessa sera.

 

Sasà sta fatt’

Sasà sta ‘mbriaco

Sasà sta bbuon’ ‘n cella,

ormai s’è abituat’.

 

Sasà ca se ne fotte

Se sceta ‘na matina,

telefona ‘o cumpar’

Sasà fa ‘na rapina

 

Sasà se fà tre anni

Sasà era amico mio,

ma po’ Sasà è muort’

mo è sul’ ‘na poesia.

Testi di: D. Jacobelli, S. Maglietta
12. U.S.A. e Jet

Guarda quanta feccia,

sta scennen’ ‘a copp’ e nav’,

ch’e cappiell’ ‘ncopp’e recchie

“SO’ E MARINES AMERICAN’!”

 

‘E tenimm’ ‘n casa nostra,

par’a llor’, cos’e pazz’,

‘e tenimm’ dint’a casa

“E TENIMM’ ‘NCOPP’O CAZZ’!”

 

Portaerei nuclear’

bomb’ aerei a centinar’,

part’a Napul’ l’imbarc’

p’o conflitt’ planetario.

 

SCINN ‘A COPP’ E SCALE SCINN

SCINN ‘A COPP’ E SCALE SCINN

SCINN ‘A COPP’ E SCALE SCINN SCÍ

 

Guarda quanta feccia,

sta scennen’ ‘a copp’ e nav’,

ch’e cappiell’ ‘ncopp’e recchie

“SO’ E MARINES AMERICAN’!”

 

M.P. SHORE PETROL,

BIG JIM E SWARZKOPF,

a Bagnoli stat’e casa,

MA NUN STIV’ MEGLIO IN U.S.A.?

 

Sto pazziann’ site e megli,

e chiù sfaccimm’ overament’

tant’è vero c’at’ fatt’

PUR ‘A BOMBA INTELLIGENT’

 

SCINN ‘A COPP’ E SCALE SCINN

SCINN ‘A COPP’ E SCALE SCINN

SCINN ‘A COPP’ E SCALE SCINN SCÍ

 


Testi di: E. Manzo, S. Maglietta
13. Miracoli

Io sono un miracolato.

Consideriamo quando sono nato,

consideriamo il giorno.

O l’anno.

Ecco,

ritorno con la mente

al tempo del primo latte

era il 9/3/57.

Ritorno al tempo del mio primo vagito

era un giorno uggiato

a tratti piove

sono nato nel ’69, il 30 marzo.

É strano dire

“ricordo il primo giorno”

parlando di se,

eppure lo ricordo

sono nato nel ’73, il 9 luglio.

Sono nato nel ’55,

sono nato nel ’64,

sono nato nel ’70

apparendo da un giorno all’altro.

E da quando sono nato

miracolato sono…….

Sono nato in un mondo dove la vita

si trasforma in cose,

i giorni ad esempio,

si trasformano in banconote;

le insicurezze in case,

il tempo sotto il tocco del Santo

muta in intrattenimento.

Sono nato nel ’55,

sono nato nel ’70.

Sono nato il 75

era aprile ed era il 7

e da quel giorno le ore

si trasformano in sigarette.

Un pianto si è trasformato in punizione,

la calvizie in lozione.

Sono nato il 75

era aprile ed era il 7

e ho trasformato l’ansia d’esistere

in due belle motociclette.

È commovente vivere nel miracolo:

ogni ostacolo che c’è tra te

e il piacere salta.

L’amarezza diventa un gelato,

l’inquietudine una raccolta.

La vanità diventa una boccetta,

la solitudine una bolletta.

Un rosario di giorni tutti uguali

puoi trasformarlo in un pacchetto di cambiali.

L’affetto dei genitori?

Nella voce dei televisori…….

Aaaaaah! Questo è banale,

ma tanto vale

che sia ricordato,

poiché anche questo fà parte

del mio mondo miracolato.

Mutazioni, magie, giochi di prestigio,

ti mettono a tuo agio

ti accompagnano

ti accarezzano la pelle.

Ma sulle spalle c’è una pressione

che mette in tensione i muscoli del collo.

Nessuno si ferma

agli uomini ribolle il sangue:

Trasformare! Trasformare!

Un miracolo!

Ogni ostacolo và rimosso

anche se la gente solubile all’aria

sempre più spesso te la trovi davanti.

Io sono nato il ‘55

il ’60, il ’70

ed ho trasformato la mancanza di terra

in un vaso con dentro una pianta.

C’è chi dice: “Non cambia niente,

se a cambiare non è la gente”.

Ma nel mio mondo

sono le cose che danno spettacolo.

Miracolo……

Miracolo…..

Miracolo……

Testi di: Dario Jacobelli

Rassegna Stampa

LA BOMBA INTELIGGENTE - Mattino 1994
LA BOMBA INTELIGGENTE - Rumore 1994
LA BOMBA INTELIGGENTE - Tutto